Il Pd cerca di salvare capre e cavoli sull’inceneritore di Selvapiana.

“Il Pd cerca di salvare capre e cavoli, e alla fine conferma nelle stanze dei bottoni la sua politica pro-inceneritori in totale disprezzo dell’ambiente e della salute dei cittadini. Basta con questo doppiogiochismo”. Questo il commento del Movimento 5 Stelle del Valdarno e della Valdisieve all’indomani della notizia del ricorso al Tar della Toscana presentato da Aer Impianti contro il nuovo piano d’ambito di Ato Toscana Centro.

“Il nuovo piano  – sottolinea il Movimento 5 Stelle – riduce i volumi di rifiuti da conferire al nuovo termovalorizzatore di  Selvapiana passando da 60mila tonnellate a 45mila. Secondo la società mista Aer Impianti con questa nuova previsione il progetto Selvapiana è economicamente insostenibile e irrealizzabile. Da qui il ricorso al Tar con un messaggio chiaro ed inequivocabile: per Aer ed i Comuni soci il nuovo termovalorizzatore s’ha da fare, costi quel che costi”.

“Con questa mossa e l’appoggio ricevuto da alcuni Comuni soci, a cominciare da Rignano sull’Arno, cade l’ultima foglia di fico rimasta al Partito Democratico : al di là delle dichiarazioni pubbliche pro rifiuti zero, gli amministratori locali continuano a sostenere una politica totalmente incentrata sulla combustione dei rifiuti in spregio all’ambiente e alla volontà popolare che sempre si è mostrata contraria a tali impianti”.

“Stupisce che questo avvenga dopo prese di posizione pubbliche contro l’inceneritore arrivate da alcuni esponenti del Pd di Pontassieve e Rufina. Lo avevamo detto in tempi non sospetti – sottolinea no i deputati Samuele Segoni e Massimo Artini – queste  conversioni sulla via di Damasco devono essere supportate da azioni coerenti altrimenti si trasformano in gigantesche prese in giro nei confronti dei cittadini, come poi si è puntualmente verificato. Stupisce anche la presa di posizione del sindaco di Rignano Daniele Lorenzini che prima va a braccetto con Rossano Ercolini facendosi paladino dei “rifiuti zero” e poi si mostra contrario alla riduzione dei volumi di rifiuti da bruciare a Selvapiana. Dove sta la coerenza e la serietà che dovrebbe contraddistinguere l’etica pubblica? Quale è la posizione dei candidati sindaco del Pd in questa vicenda? Il silenzio-assenso non è più tollerabile”.

“La verità è che l’Ato Toscana Centro ha certificato una verità che stiamo andando dicendo da tempo:  gli impianti previsti nel piano interprovinciale dei rifiuti di Firenze Prato e Pistoia sono sproporzionati e già nati vecchi, visto che con l’aumento della differenziata fortunatamente diminuiscono anche i rifiuti da incenerire e conferire in discarica. Chi si ostina a promuovere la costruzione del termovalorizzatore di Selvapiana, con costi proibitivi per i cittadini (la tariffa di conferimento prevista è già con 60mila tonnellate, una delle più salate d’Italia) e senza una reale esigenza politico-amministrativa, ne dovrà rispondere di fronte ai cittadini” proseguono i due deputati che annunciano: “Il Movimento 5 Stelle presenterà interrogazioni nei Comuni dove è presente ed anche in Parlamento perché tali politiche scellerate devono essere portate alla luce, soprattutto in questo periodo di spending-review. La nostra battaglia proseguirà su tutti i fronti tra i cittadini e le sedi istituzionali”.

“E’ arrivata anche l’ora di fare piena luce su Aer  Impianti, un carrozzone nato da Aer nel 2009 proprio per gestire l’affaire Selvapiana: in cinque anni la società mista non è riuscita nemmeno a rendere fruibile un sito internet per assicurare la trasparenza e l’informazione ai cittadini. Quanto sarà la spesa complessiva per i cittadini una volta che la società dovrà essere definitivamente liquidata? Perché spendere altri soldi pubblici per queste politiche fallimentari?” Si domandano infine Segoni ed Artini.

Ufficio Stampa – Movimento 5 Stelle Valdarno